...NEL RESTO DEL MONDO

Riporto una testimonianza della ferocia con cui la dinastia dei Kim tiene sotto un dispotico scacco uno Stato da quasi 25 milioni di abitanti: quella di Benedict Rogers, giornalista e responsabile della ONG Christian Solidarity Worldwide, che ha testimoniato la totale assenza di libertà religiosa nella comunistica monarchia di Kim Jong-un (mai potrei riportare testimonianze di dissidenti e chi ne ha patito i soprusi).

 

 Andare il Corea del Nord significa mettere piede letteralmente nelle pagine di 1984 di George Orwell. Nell'ottobre 2010 mi recai nel paese conosciuto come il 'regno eremita', la nazione più chiusa al mondo e una di quelle dove i diritti umani sono trattati nel modo peggiore. Ci andai con due parlamentari inglesi, Lord Alton e la baronessa Cox, fra le voci più attive in Inghilterra nella difesa dei diritti umani e, in particolare, della libertà religiosa. Partimmo ben sapendo che avremmo visto solo quello che il regime voleva farci vedere, ma con il preciso intento di parlare faccia a faccia con il regime e di metterlo di fronte alla verità sull'atroce trattamento che riserva al suo popolo.